Made in Italy

Made in Italy

Come Nasce la Figura del Modellista

Nuove tendenze, colori, forme, tecniche. Nulla viene “per caso” e nulla viene definito prima di essere stato precedentemente studiato. Ed è per questo che, per facilitare il tutto, si arriva ad un punto della storia dove le strade si dividono, e le figure del settore moda vengono ramificate. Infatti, dopo l'articolo in cui spiegammo la differenza fra il sarto e lo stilista, con il tempo nel armonioso mondo della moda è nata un'altra figura che si trova proprio al centro: il modellista. Questa figura ha l'incarico esclusivo di occuparsi della creazione pratica di un modello (cartamodello) realizzato dallo stilista attraverso uno sketch. Ma perché? In questo articolo andremo ad analizzare la figura del modellista, le sue competenze e i suoi obiettivi in azienda. Ma innanzitutto faremo una distinzione tra il modellista ed il sarto spiegando la posizione di quest’ultimo. Chi può definirsi sarto Il Sarto si occupa di taglio e cucito, utilizzando tessuti di ogni tipo (cotone, jersey, seta) e di modificare, adattare e sistemare un capo di abbigliamento. Non necessariamente deve saper realizzare un cartamodello, anche se comunque un buon sarto deve avere quel poco di conoscenza che sicuramente lo aiuterà nella confezione di un abito. Quando invece, non si ha autonomia, è qui che entra in gioco il modellista. Il modellista è dunque una figura fondamentale nell'industria della moda e non può assolutamente mancare. - Quali sono le competenze di un modellista? - Quali sono gli obiettivi di un modellista? Competenze di un modellista Alla base del lavoro di un modellista, ci sono alcune competenze fondamentali da tenere in considerazione. Tra quella basilari sicuramente troviamo: