Come Affrontare Il Ricambio Generazionale Nelle Aziende Italiane

Un’azienda durante il suo percorso di vita affronta situazioni diverse. Spesso sono chiamate a prendere delle decisioni importanti che possono influenzare in modo positivo o negativo il proprio andamento storico.

Uno dei momenti più critici e difficili della vita di un’impresa è il ricambio generazionale.

L’Italia, è una nazione dove è presente un gran numero di imprese medio piccole e circa il 90% di esse è a conduzione familiare. Diversi studi hanno dimostrato come in imprese di dimensioni medio/piccole dove a capo dell’organizzazione c’è una famiglia, il ricambio generazionale può essere un evento che spesso si rivela traumatico.

Il ricambio generazionale è un momento cruciale, in quanto va a minare un rapporto imprenditore/famiglia dove l’equilibrio è sempre molto precario. Meno di un terzo delle imprese infatti riesce a sopravvivere alla prima generazione e soltanto il 15% continua il suo percorso successivamente.

La paura più grande per l’imprenditore che deve passare il testimone, è quello che il suo successore può portare la sua azienda verso qualcosa di ignoto, di non calcolabile e quindi verso l’imprevedibile.

 

 

  • ricambio generazionale

 

Passaggio generazionale in azienda, le difficoltà

Si può quindi affermare che non sempre le aziende familiari riescono nel tempo a creare valore.

In un recente studio effettuato da Confindustria, emerge come diverse imprese cessano la propria attività non per ragioni fiscali o per ragioni legali ma falliscono proprio per motivi di natura familiare.

In aziende piccole a carattere familiare, ci sono diversi errori:

  • mancanza del rispetto dei ruoli
  • cattiva gestione di informazioni
  • la difficile convivenza padre-figlio

Queste imprese hanno una gestione nella maggior parte dei casi “padre-padrone” dove sussiste un’enorme difficoltà al cambiamento e di conseguenza una scarsa inclinazione all’innovazione.

Molti imprenditori appartenenti alla vecchia scuola hanno la convinzione che l’ingresso di giovani risorse possa andare ad alterare l’equilibrio dell’impresa.

In un momento di grande innovazione, la collaborazione tra abitudini passate e una nuova visione potrebbe essere la chiave di successo per diverse aziende ma come abbiamo potuto notare questo non sempre avviene.

 

ricambio generazionale

 

Possibili rimedi

Il ricambio generazionale, se affrontato in maniera intelligente, può apportare grandi benefici all’azienda. C’è bisogno di una giusta pianificazione per garantire strumenti necessari all’azienda affinché possa avere continuità nel tempo.

Non esiste un manuale per un perfetto passaggio di consegna, perché ogni azienda ha una storia, un proprio know-how e proprie caratteristiche specifiche ma se redatto un piano ben definito, il ricambio generazionale rappresenta una preziosa opportunità per capire come e quanto i punti di forza del passato ancora possono creare valore all’azienda.

In Italia, spesso viene premiato il nepotismo piuttosto che le mere competenze di un individuo. Questo comporta l’assegnazione di ruoli di responsabilità a persone inadatte, senza quella capacità di saper affrontare le situazioni più difficili. La cultura del merito non priva di certo i familiari dei loro diritti, anzi se guidati nel loro percorso sarà più facile rendersi conto dei propri limiti con minori possibilità di attuare strategie errate.

Insomma, il ricambio generazionale è un momento cruciale per un’azienda, per questo motivo è importante pianificare il tutto con largo anticipo. C’è bisogno che tutti siano consapevoli dei propri limiti e c’è bisogno di un rispetto assoluto dei vari ruoli.

Laddove è possibile, è opportuno rivolgersi agli esperti e a persone terze, cercando di comunicare efficacemente, coinvolgendo e condividendo le informazioni più importanti.

Perché la successione è un momento chiave nella vita di un’azienda, è deve essere colto come un’opportunità non come una minaccia.

 

Registrati ora

 

Commenti