Orange Fiber: il Tessuto Ecosostenibile dagli Scarti delle Arance

Orange Fiber: il Tessuto Ecosostenibile dagli Scarti delle Arance
Giorgia Campagna

Giorgia Campagna

Nella nostra sessione storie di successo non poteva di certo mancare questa! Se siete appassionati di moda o avidi cercatori di innovazione e sostenibilità ne avrete probabilmente già sentito parlare. In caso contrario, siamo lieti di presentarvi questa storia di successo, ovviamente, Made in Italy, o meglio... Made in Sicily!

Stiamo parlando di Orange Fiber, probabilmente una delle startup più di successo nel settore moda, e che è senza dubbio la rappresentazione dell'Italia che più ci piace: incastonata all'interno dei principi di un'economia circolare e sostenibile, innovativa ed orgoglio del Made in Italy.

Tessuto sostenibile Orange Fiber

Dal sito di Orange Fiber

Orange Fiber: il sogno di un'idea sostenibile che diventa realtà

Quello di Orange Fiber non è l'unico caso nel genere: dall'idea di una tesi di laurea nasce un'idea di business innovativo. Orange Fiber è la dimostrazione che avendo il coraggio di osare, le buone idee col tempo vengono ricompensate. 

Era il 2013 quando per la sua tesi di laurea in Fashion Design al AFOL Moda di Milano, la catanese Adriana Santanocito decide di esplorare il mondo dell'innovazione tessile, si parlava già di ecosostenibilità nell'industria della moda, si iniziavano a cercare idee alternative concrete ai processi di produzione estremamente inquinanti del settore tessile. Se il futuro deve essere la salvaguardia dell'ambiente ed il riciclo delle materie prime, perché non riciclare uno dei simboli della sua terra, la Sicilia! Terra di sole, mare e... agrumi! Questa l'idea iniziale: prendere gli scarti alimentari delle arance, il simbolo della sua terra, e trasformarli in eleganti tessuti di qualità.

Da qui parte la storia di Orange Fiber, quando Adriana parla della sua idea all'amica Enrica Arena, anche lei catanese, anche lei studentessa a Milano in Cooperazione Internazionale per lo Sviluppo. A volte basta condividere un'idea con gli amici giusti per dare vita ad un sogno, quello di unire innovazione, sostenibilità e qualità del Made in Italy per rendere il mondo in cui viviamo un posto migliore, che è anche la vision dell'azienda. 

L'idea oltre ad essere innovativa e green, con l'aiuto del laboratorio di Chimica dei Materiali del Politecnico di Milano, si scopre essere più che realizzabile, viene così sviluppato il brevetto, e nel 2014 Adriana ed Enrica fondano Orange Fiber con sede nella loro Catania ed in Trentino, sede dei finanziatori. Nel settembre 2014 si arriva dritti al sodo con la presentazione del primo tessuto ottenuto dagli scarti degli agrumi misto a seta. 

Dalle arance al tessuto innovativo e sostenibile

Ma come viene realmente creato il tessuto Orange Fiber? Il prodotto di partenza sono appunto le arance della Sicilia, e anche tutti gli agrumi in generale, limoni, mandarini e simili che vengono utilizzati nell'industria alimentare, che chiaramente ne usa il succo e la polpa. Ciò che rimane sono gli scarti, quello che resta dalla spremitura degli agrumi, chiamata pastazzo.

Ed è qui che Orange Fiber entra in gioco, invece di essere smaltito, grazie al procedimento brevettato, da questo composto viene ricavata una cellulosa che è possibile utilizzare per la creazione di un filato, da cui si ottiene quindi l'Orange Fiber, il tessuto ricavato dal sottoprodotto degli agrumi.

Produzione tessuto Orange Fiber

Creazione del tessuto Orange Fiber

Il risultato è un tessuto di alta qualità, morbido e leggermente lucido che ricorda volutamente la seta, l'obiettivo era infatti quello di creare un tessuto che fosse all'altezza dell'alta moda del Made in Italy, ma nella versione a basso impatto ambientale. Orange Fiber si presta a diversi tipi di creazioni del mondo della moda ed è versatile, essendo possibile mescolarlo con altre materie prime, rigorosamente ecocompatibili, come il cotone biologico, per fare un esempio.

L'idea di economia circolare di Orange Fiber

La parola sostenibilità la si trova in tutto ciò detto finora, e non potrebbe essere altrimenti. Orange Fiber è infatti uno degli esempi precursori di quell'economia circolare di cui negli ultimi mesi si sente tanto parlare. Ed in quanto appassionati di sostenibilità, soprattutto nel mondo della moda, non possiamo non sottolineare questo aspetto. Vediamo i motivi per cui il tessuto Orange Fiber rientra nel concetto di economia circolare:

  1. La materia prima utilizzata è riciclata. Il pastazzo degli agrumi deriva infatti dall'industria agrumicola, il che vuol dire ovviamente che il processo di lavorazione per arrivare al tessuto finito è a basso impatto ambientale, in tutte le fasi della lavorazione, non vengono utilizzate risorse per la coltivazione della materia prima, non vengono utilizzati agenti chimici inquinanti e la produzione dei rifiuti è quasi nulla.
  2. Applica il modello economico dell'upcycling. Il principio secondo cui si utilizzano gli scarti della creazione di un prodotto per dar vita ad un prodotto completamente differente, ha un nome ben specifico, ovvero upcycling, ed è uno dei cinque modelli di business possibili per il raggiungimento di un'economia circolare. I benefici dell'upcycling sono tutti a favore dell'ambiente, evitando di utilizzare materie prime nuove e limitando quindi l'inquinamento derivato dallo smaltimento di quegli scarti. Da questo punto di vista i benefici sono non solo ambientali ma anche economici, smaltire i rifiuti si sa, costa. La quantità degli scarti di agrumi in Italia ammonta a più di 700 mila tonnellate annue, immaginate di poterle riutilizzare tutte invece di smaltirle.
  3. Il tessuto ottenuto è biodegradabile. Avete capito bene! Il ciclo di vita dei vestiti creati dal tessuto Orange Fiber è circolare a 360 gradi, dopo essere stato utilizzato ed essere arrivato alla fine della sua vita, può essere debitamente compostato senza lasciare alcuna traccia e senza inquinare, pure i coloranti utilizzati per dare ai tessuti la vivacità necessaria sono tutti naturali e non inquinanti, in questo modo non inquinano né durante la produzione né durante la decomposizione.

Vestiti con tessuto Orange Fiber

Dal sito di Orange Fiber

L'incredibile innovazione e sostenibilità del tessuto è insomma immediatamente percepibile, le fondatrici di Orange Fiber non hanno dovuto aspettare molto per il successo, nel 2017 ha attirato l'attenzione di un grande marchio nella moda Made in Italy, è stato infatti il brand Salvatore Ferragamo a lanciare la prima collezione di alta moda creata con il tessuto biodegradabile Orange Fiber. Quando le idee sono promettenti già in partenza e dagli scarti delle arance alle boutique di lusso è un attimo!

Ferragamo collezione Orange Fiber

Collezione Ferragamo Orange Fiber

Non solo brand di lusso ma anche il brand H&M ha usato Orange Fiber nella sua collezione Conscious Exclusive 2019. Rimaniamo quindi in attesa che tessuti come quello di Orange Fiber diventino la normalità nel mondo della moda, per raggiungere la moda che sogniamo, non inquinante e nel rispetto totale dell'ambiente. 

Ci auguriamo che sempre più aziende seguano l'esempio di Orange Fiber e di tutte le altre giovani startup che continuano a dare un motivo per essere orgogliosi del Made in Italy, ancora di più quando l'esempio viene da giovani imprenditrici, dimostrando che tutto sono tranne che il sesso debole, e soprattutto se quelle impreditrici vengono dal sud Italia che continua a spopolarsi ma che ha invece potenzialità nascoste che aspettano solo di essere trovate dalle brillanti menti che da quel sud Italia continuano a scappare.

Moda Sostenibile: 5 Tessuti Ecosostenibili ed Innovativi

Impara di più sui tessuti sostenibili

Scopri quali sono i tessuti vegetali ecosostenibili

Scopri di più 

Commenti

Tendenze Moda: La Borsa un Accessorio Funzionale

Tendenze Moda: La Borsa un Accessorio Funzionale

Low Cost e Sostenibilità: E'Possibile? Nuna Lie: Una Storia di Successo Tutta Italiana.

Low Cost e Sostenibilità: E'Possibile? Nuna Lie: Una Storia di Successo Tutta Italiana.

Fili Pari: Storia di Innovazione, Sostenibilità ed Imprenditoria Femminile Made in Italy

Fili Pari: Storia di Innovazione, Sostenibilità ed Imprenditoria Femminile Made in Italy

Startup Italiane di Successo: ACBC, Sneakers Sostenibili | MakersValley Produttori

Startup Italiane di Successo: ACBC Sneakers Sostenibili

Ballerine: Così Eleganti, Così Intramontabili

Ballerine: Così Eleganti, Così Intramontabili

Coco Chanel, 50 anni senza l'Icona della Moda

Coco Chanel, 50 anni senza l'Icona della Moda

Personalizzazione di un Brand: Una Storia di Successo Firmata MakersValley

Personalizzazione di un Brand: Una Storia di Successo Firmata MakersValley

Un nuovo Inizio per l’Imprenditoria Femminile

Un nuovo Inizio per l’Imprenditoria Femminile

Come Diventare Imprenditori di Successo

Come Diventare Imprenditori di Successo

Diventa parte della nostra comunità di Produttori Italiani

Registrati