Made in Italy vs. Made in China

Made in China vs Made in Italy
Rocco Izzo

Rocco Izzo

Uno dei temi di discussione più caldi degli ultimi anni è l’impatto che la Cina e la sua aggressività commerciale possono avere sul sistema imprenditoriale italiano (ma anche europeo in generale) e se può rappresentare una minaccia.

Oggi la Cina rappresenta una potenza mondiale dell’high-tech e con l’azienda Huawei si è guadagnata una posizione di leader nel mercato. Ma la domanda è: vale lo stesso per il settore del fashion?

 

Made in China vs Made in Italy

 

La delocalizzazione degli anni 2000

I consumatori si affidano all’etichetta Made in Italy perché da sempre simbolo di affidabilità e di pregiatezza, al contrario invece, i prodotti Made in China vengono classificati come di scarsa qualità. La Cina, presa coscienza di questa diversità difficilmente colmabile, ha cercato di battere l’Italia riducendo i costi di manodopera, infatti agli inizi del 2000, il costo della manifattura cinese era circa di un decimo inferiore a quella italiana, e ciò ha spinto molti colossi del fashion a delocalizzare la produzione in Asia. Tale evento nel corso degli anni ha subito una brusca frenata dovuta a:

- Aumento dei dazi e dei costi di trasporto;

- Aumento dei costi di produzione;

- Maggiore attenzione dei consumatori verso la manifattura

Il ritorno alle origini

In sostanza, oltre che per una questione meramente economica, le aziende hanno compreso che il consumatore oggi è molto più informato e che nelle sue scelte d’acquisto, improntate sul made in Italy, non prende ad esame solo la qualità dei materiali ma anche la manifattura, perché vuole affidarsi in toto alle competenze, al genio e alle straordinarie capacità degli artigiani italiani.

Ciò ha portato molte aziende a programmare il rientro in Italia, quello che è chiamato comunemente “reshoring”. Un esempio lampante è il ritorno di Piquadro, che nel 2014 ha deciso di lasciare il paese asiatico per far ritorno nel Belpaese, riportando in Italia la fascia più alta della lavorazione.

 

Made in China

 

Quando si parla di Cina, il mondo imprenditoriale si divide. C’è chi la considera come una opportunità da cogliere e chi la considera come una vera e propria minaccia per l’economia dei paesi dove esporta. Per saperne di più leggi

E voi cosa ne pensate?

Sulla piattaforma MakersValley, ci sono numerosi fashion designer provenienti da ogni angolo del mondo che sono pronti ad affidarsi al Made in Italy, tu cosa aspetti a far parte della nostra Community?

 

Registrati ora

 

Commenti

ufficio moda

3 Opportunità per Il Settore della Moda In Un Mondo Post-Covid

Come Cambia la Customer Experience della Moda nel Mondo DEigitale

Come Cambia la Customer Experience della Moda nel Mondo DEigitale

5 Consigli Per Le Imprese Per Riprendersi Dal Coronavirus

5 Consigli Per Le Imprese Per Riprendersi Dal Coronavirus

Moda, Anna Wintour

Come Cambierà La Moda Dopo La Pandemia

Il Fashion Transparency Index 2020 di Fashion Revolution: che cos’è?

Il Fashion Transparency Index 2020 di Fashion Revolution: che cos’è?

esportatori abituali

Come Un’Azienda Può Diventare Un Esportatore Abituale

esportazione, dazi doganali

Italia e Giappone: L’Accordo Sull'Esenzione Dei Dazi Doganali

L’Internazionalizzazione delle Imprese

L’Internazionalizzazione delle Imprese

Vendere all' Estero

Vendere all'Estero

Diventa parte della nostra comunità di Produttori Italiani

Registrati