Le Tasche: Le Tipologie più Comuni e Quale Tipo Scegliere

Nell’abbigliamento ci sono dei dettagli che molti di noi in maniera automatica controllano ancor prima di acquistare un capo di moda.
Come, ad esempio, un passante posizionato in un determinato punto del pantalone affinché la cintura stia comoda, oppure quella cerniera invisibile che deve essere applicata al centro dietro per evitare difetti sui fianchi e tante altri piccoli dettagli.
Insomma, non solo la bellezza conta quando si tratta di coinvolgere anche la comodità!
Tra questi, uno in particolare non sfugge mai all'occhio attento dell'acquirente: la tasca.

Foderata, sfoderata, finta, applicata, tagliata, ce ne sono di diverse variando nel tipo ma soprattutto dimensioni. Naturalmente ogni tasca ha un suo perché.


La Tasca

Prima differenza

E' importantissimo ,prima di classificarle, fare una distinzione dei vari tipi di tasche che esistono nella modellistica.
Infatti, in base alle giuste esigenze, la tasca può essere sia applicata (toppa) o tagliata cioè costruita all’interno del cartamodello, diventando un tutt’uno con il capo finito)

Tasca applicata 

Le tasche applicate sono quelle tasche che vengono applicate all’esterno del capo e possono avere diverse forme e dimensioni. A differenza delle altre, sono tutte funzionali. Di solito la loro posizione si determina tenendo il braccio disteso lungo il fianco segnando il punto del gomito e scendendo poi da questo punto di 5cm.
La tasca a toppa può essere correlata anche di una pattina che può essere direttamente attaccata alle tasche oppure staccata, cioè tagliata a parte e cucita sopra al capo di abbigliamento.

  • Tasca a borsa: usate in particolare su pantaloni da lavoro grazie alla loro capienza e comodità per riporre attrezzi/oggetti di vario genere ma si possono trovare anche nell’abbigliamento casual;
  • Tasche a soffietto: forse ancora più capienti delle precedenti perché sono dotate di un volume anche in orizzontale, queste sono munite di solito sempre di una pattina la quale può essere anche un semplice rettangolo.
Tasca Applicata

Naturalmente ogni tipo di tasca può essere impreziosita con impunture e le patte possono avere diverse grandezze e forme (con pizzi, ovali, con pieghe, etc.).

Tasca tagliata

La prima differenza delle tasche tagliate , oltre alla sua struttura che viene realizzata insieme al capo, è quella che, dopo averla iniziata, non si può sbagliare!
Necessitano dunque di una prova nel caso si è indecisi sulla dimensione finale che deve avere. Possono essere anche solo per uso estetico, quindi finte e non funzionali, quando però si decide la seconda opzione è obbligatorio foderarle.

  • Tasca americana: sono quelle tasche che si trovano solitamente nei pantaloni e partono dalla cucitura del fianco esterno ed hanno un’inclinazione di circa 30 gradi fino alla vita, sono anche definite “tasche classiche” ma con una differenza che le distingue: nel pantalone classico di solito l’apertura della tasca risulta dritta, nei pantaloni casual (es denim), l’apertura può essere anche tonda (dove, in alcuni casi, viene inserita anche un taschino a toppa all’interno: la così detta “quinta tasca del denim”);
  • Tasca a filetto: sono quelle tasche che si presentano con due “labbra”, che si definiscono appunto filetti; anch’esse possono avere la pattina. Può non necessariamente però presentarsi con due filetti, soprattutto quando si tratta di cappotti classici o giacche. Infatti questa tasca si presenta principalmente di stile classico anche se oggigiorno non esistono più regole.

La misura può variare in base alla funzionalità che deve avere ma anche dove si decide di posizionarla ,se si decide di realizzarla su un cappotto può avere una misura anche di 3-5 cm, soprattutto se il tessuto è “grosso”, mentre se si tratta di tasche che devono essere realizzare sul retro di un pantalone, la misura può variare da 3 mm a 1 cm per filetto.

Caratteristiche comuni

Oltre al fatto che entrambe le tasche non si possono sostituire, sia quella applicata e sia quella tagliata hanno una funzionalità importante (che sia di stile, di utilizzo, di posizione ,e sono considerate le migliori per eccellenza
Ma l’aspetto più importante che le accomuna è che entrambe le tipologie di tasche necessitano di tela adesiva, passaggio fondamentale che permette la stabilità del tessuto e la sua rigidità, oltre che ad una presenza migliore dando valore anche al lavoro che c’è dietro soprattutto quando si parla di un capo sartoriale.

E qual è invece la tua tasca preferita?




Registrati ora

Commenti