Le Rifiniture Interne di Un Capo: Quali Scegliere

Le Rifiniture Interne di un Capo: Quali Scegliere
Anna Brancaccio

Anna Brancaccio

Le rifiniture interne di un capo di abbigliamento sono il biglietto da visita del  produttore italiano.

Anche se non si vedono, rappresentano l'efficienza di quell’azienda nel portare a termine un lavoro. Una rifinitura ”pulita” è per il produttore sinonimo di:

  1. Qualità;
  2. Esperienza;
  3. Competenza.

Si tratta di un elemento poco visibile ma di fondamentale importanza per la riuscita del capo di abbigliamento nel tempo oltre a renderlo più piacevole a livello estetico e di conseguenza maggiormente pregiato.

Cosa sono le rifiniture?

È vero che una rifinitura non è visibile dall’esterno ma non è sempre così, infatti per rifinitura si intende anche una piega di una manica, un bordo della giacca, es: se il bordo di un orlo all’interno non ha la stessa dimensione lungo tutta la sua circonferenza, in alcuni tessuti si nota, soprattutto se messo in controluce.


Un capo di abbigliamento deve essere bello dentro e fuori.

 

Una rifinitura sta ad indicare, quindi, quelle cuciture che concludono un capo di abbigliamento in quanto determinano la pulizia finale che deve avere soprattutto se si tratta di un capo di qualità.

Perché rifinire un capo di abbigliamento?

Si sa che il tessuto nella maggior parte dei casi è formato da due filati che si intersecano tra di loro (ordito e trama), in base al risultato che si vuole ottenere, i due fili si uniscono tra di loro formando le così nominate “armature” del tessuto (tela, raso, saia, etc..).
In base alla scelta dell’armatura il tessuto tende a sfilacciarsi; più si presenta questa problematica più è importante la scelta di una rifinitura.
Per citarne alcune, il raso si sfilaccia più facilmente di un'armatura a tela.
Quindi, anche se nel sistema moda non esiste un unico tipo di rifinitura, bisogna tener presente anche del tipo di tessuto che si decide di andare a lavorare.  Un'altra scelta può essere anche il target a cui si vuole vendere,  più la rifinitura è pregiata (impiegando più tempo e precisione) più sarà costosa.

Tipi di rifiniture: come si differenziano

  • Zig zag;

  • Tagli e cuci;

  • Con bordino;

  • Double face.

Rifinitura zig zag

Si tratta della rifinitura più semplice da realizzare, di solito più vicina al mondo delle sartine casalinghe. Si tratta di un punto presente quasi in ogni macchina casalinga. Sebbene rapido, il risultato presenta delle pecche, su alcuni tessuti che tendono a sfilacciarsi il risultato non è  preciso e pulito.
Per ottenere un risultato soddisfacente è bene man mano che si cuciono i due pezzi del capo eliminare i fili del tessuto che sfilaccia. Questo perché a differenza delle altre rifiniture, lo zig-zag non permette di eliminarlo o di renderlo comunque invisibile strada facendo.Zig Zag Rifinitura

Tagli e cuci

Lo dice stesso la parola: questo tipo di finitura permette di tagliare e cucire contemporaneamente evitando come nel caso dello zig-zag eventuali residui di fili sfilacciati. Funziona come lo zig-zag solo che non si tratta di una rifinitura che si possa realizzare senza l’apposita macchina; si tratta infatti di un processo diverso in quanto per la sua riuscita c’ è bisogno di almeno 2 rocchette di filato (naturalmente dello stesso colore). Molto più professionale e duraturo nel tempo.Tagli e Cuci Rifinitura

Con bordino (o traversino)

A differenza di quelli descritti in precedenza, questa rifinitura si presenterà più pulita al punto che non servirà mai la fodera (a differenza delle precedenti) perché il risultato non solo sarà pulitissimo ma anche molto bello da vedere (soprattutto con contrasti di colore). Non bisogna fare altro che comprare un traversino ed applicarlo ai bordi di ogni pezzo. In commercio esistono di qualsiasi tipo (opaco, lucido, in pelle) in base alle preferenze. Può anche essere realizzato con il tessuto stesso  con l’unica pecca però che bisogna essere tagliato trasversalmente per permettere una buona bordatura senza pieghe che potrebbero presentarsi se si decide di  tagliare il bordino a dritto filo.
Bordino Rifinitura

Double face

Difficilmente viene utilizzata, anche se si tratta della rifinitura più utile in quanto come suggerisce anche il nome: il capo ha una doppia faccia. Questo significa che come risultato finale si avranno due capi in uno. Si procede cucendo entrambi i lati come se fossero tutti e due messi in prima faccia (quindi doppie tasche, colli, impuntura, paramontura, etc) dopodiché si uniscono tra di loro cucendo tutt’intorno ed ultimando con un’impuntura finale che non intacchi l’estetica del capo stesso.

Queste sono le rifiniture più conosciute, nonché più valide. Sono molto importanti perché davvero hanno il potere di decidere la direzione che deve prendere il capo. Quindi occhio alla decisione e soprattutto qualsiasi sarà la tua scelta non trascurare mai la loro cucitura!

Commenti

Codice Ateco: Che cos'è e a cosa serve?

Codice Ateco: Che cos'è e a cosa serve?

7 Bandi da non Perdere:  Finanziamenti e Agevolazioni nel Settore Manifatturiero | MakersValley Blog

7 Bandi da non Perdere:  Finanziamenti e Agevolazioni nel Settore Manifatturiero

Che Cos'è un Webinar e Come Funziona?

Che Cos'è un Webinar e Come Funziona?

Marketing Digitale: Il Nuovo Volto Della Moda

Marketing Digitale: Il Nuovo Volto Della Moda

Lavorare a Maglia: Un'Opportunità per le Aziende

Lavorare a Maglia: Un'Opportunità per le Aziende

Equity Crowdfunding: Cos'è e Come Funziona?

Equity Crowdfunding: Cos'è e Come Funziona?

ufficio aziendale

Scopri Come Rendere Il Tuo Ufficio Di Lavoro Familiare e Produttivo

Smart working: Che cos’è? Perchè è importante per la digitalizzazione aziendale”

Smart working: Che cos’è? Perchè è importante per la digitalizzazione aziendale”

Come Realizzare Un Campionario Di Moda Di Successo in 5 Step

Come Realizzare Un Campionario Di Moda Di Successo in 5 Step

Diventa parte della nostra comunità di Produttori Italiani

Registrati