Lavorare a Maglia: Un'Opportunità per le Aziende

Antonella D'Eri Viesti

Antonella D'Eri Viesti

Il lockdown non ha solo lati negativi, come molti credono e come molti cercano di diffondere. Il lockdown può anche essere un’occasione per riappropriarsi del proprio tempo e di tradizioni antiche che avevamo dimenticato, troppo affannati tra i mille impegni che occupavano le giornate fuori casa. Tra queste buone abitudini c’è il lavorare a maglia, una consuetudine tipica delle generazioni delle nostre nonne e delle nostre bisnonne, che passavano lunghi pomeriggi invernali in casa davanti al fuoco lavorando la lana e creando capi di abbigliamento che forse ancora conserviamo nelle nostre mansarde e soffitte.

Lavorare a maglia: rilassamento e opportunità

Lavorare a maglia rappresenta la possibilità di svolgere un’azione che non richiede un grande impegno mentale, ma che consente di tenere impegnate le mani. Come tutti i lavori artigianali lascia molto spazio alla fantasia e alla creatività e dopo aver svolto un’attività di questo tipo la mente appare più distesa, perché allontana tutti i cattivi pensieri che gravano sulla vita quotidiana di ognuno.

Impegnare il proprio tempo nella scelta della lana, della sua colorazione, del suo filo, del modello da riprodurre, costituisce una svolta nel tempo che a causa del confinamento forzato in casa spesso passa sempre uguale. Per non parlare della vera e propria attività di assemblaggio del capo, quando ci si ritrova a definire un modello per poterlo davvero finalmente indossare.

Imparare a lavorare a maglia o mettersi a lavorare a maglia per chi già lo fa è l’opportunità di riuscire a fare un’attività rilassata e rilassante e di creare qualcosa di unico e speciale fatto in casa con le proprie mani e poi, perché no, rivenderlo!

photo-1517840035140-2d32eeb59190

Lavorare a maglia: un'opportunità per i produttori

I produttori del Made in Italy, infatti, dovrebbero prestare attenzione alla lavorazione a maglia casalinga, perché se il trend si diffondesse potrebbe definire dei nuovi prodotti che potrebbero trovare un grande riscontro sul mercato.

Infatti se tutti iniziassero a produrre i propri prodotti di lana in casa si diffonderebbero tantissimi capi homemade che potrebbero essere collocati sul mercato come capi pregiati e di manifattura italiana.

Dare benzina al made in Italy può passare anche dalla piccola manifattura casalinga o dal proporre, come aziende, modelli da riprodurre in casa. Data la situazione dovuta dal coronavirus e lo svolgimento della maggior parte delle attività lavorative in smartworking, molte persone passeranno sempre più tempo in casa e questo causerà la necessità di trovare qualcosa da fare che possa riempire i tempi morti in cui, diversamente, si uscirebbe o si andrebbe a cena fuori.

Piccola manifattura e produzione tessile

Per questo le aziende possono guardare alla diffusione di questo fenomeno in maniera tattica perché potrebbero connettersi alla piccola manifattura, anche casalinga per proporre sistemi di collaborazione e di vendita molto diversi dal passato.

Un’idea, ad esempio, sarebbe quella di fornire la materia prima alla persona che ne fa richiesta e tutte le indicazioni per poter assemblare il proprio maglione o la propria sciarpa. Altra idea sarebbe quella di rendere i prodotti di lana (come maglioni, sciarpe e cappelli) estremamente personalizzabili, così da invogliare il cliente a metterci del proprio e a ritrovarsi tra le mani un pezzo unico.

Non bisogna mai dimenticare che ogni minaccia nasconde sempre una grande opportunità.

photo-1516266967839-c9ab062fabc1

Il caso di Lucia Luchini

Un esempio di maglieria confezionata interamente a mano in maniera artigianale è quello di Lucia Luchini, che riprende la tradizione fiorentino- medicea della lavorazione della lana e della creazione di capi pregiati interamente fatti a mano e che ne ha fatto il core business della propria azienda.

I capi di Lucia Luchini sono bellissimi, fatti con lane di altissima qualità che provengono da allevamenti controllati toscani. Certo, i prezzi di Luchini non sono esattamente ciò che si intende con competitivi, ma il riferimento calza.

Calza nella misura in cui indossare un capo interamente fatto a mano vuol dire avere un rapporto di unicità tra l’azienda che produce e il cliente che acquista quel prodotto.

Il cliente vuole sentirsi sempre al centro delle scelte di un’azienda e oggi con la diversificazione massiva del mercato, dove si trovano concorrenti non solo all’altro angolo della città o in una città vicina, ma anche sul web, in un marasma di competitors, fare una scelta originale può rappresentare una grande svolta e può diventare un punto di forza.

Le aziende possono trovare metodi alternativi per incentivare la lavorazione in casa, mantenendo la propria clientela e dando alla clientela stessa degli strumenti completamente nuovi per poter realizzare ciò che prima acquistava nel giro di dieci minuti in negozio.

Lavoro a maglia e personal branding

Uno dei punti di forza di un personal brand è infatti quello di far sentire il cliente l’eroe della storia. Ora, se il cliente ha la possibilità di toccare con mano le fibre con cui un’azienda produce i capi che domani quel cliente indosserà e se avrà la possibilità di assemblare quegli elementi con le proprie mani, anche se la sua lavorazione a maglia sarà molto più artigianale e meno raffinata di quella fatta in fabbrica o dalle mani esperte di professionisti del settore, sentirà di essere stato il protagonista di quella storia e questo aumenterà il legame con l’azienda stessa.

Il mondo intorno a noi sta compiendo dei cambiamenti rapidissimi, che di certo non potranno nettamente rientrare quando la pandemia sarà finalmente sconfitta.

Le persone stanno assaporando la privazione di alcune libertà individuali, ma d’altra parte si stanno rendendo conto che possono anche riempire il loro tempo di altre attività che prima non avrebbero mai contemplato.

Fare in modo che un’azienda non faccia sentire da soli i propri clienti e cercare di stare sempre dalla loro parte, rappresenta un punto di svolta in un momento come questo che, anche se passerà probabilmente lascerà un segno indelebile nella vita e nelle abitudini di ognuno di noi.

 



handmade sweater

Lavorare a maglia e altri orizzonti

Lavorare a maglia è solo una delle tante opportunità che puoi scoprire per rilanciare il tuo business post covid. Scoprile tutte con MakersValley.

Rilancia il tuo business post-Covid

Commenti

Distretti Calzaturieri Italiani: Quali sono?

Distretti Calzaturieri Italiani: Quali sono?

Come Fare un'Analisi PESTEL

Come Fare un'Analisi PESTEL

8 Step per Fare un Business Plan per la tua Impresa

8 Step per Fare un Business Plan per la tua Impresa

Perché il Social Media Marketing per Aziende B2B è Importante

Perché il Social Media Marketing per Aziende B2B è Importante

Resto al Sud: Come Creare il Business Plan

Resto al Sud: Come Creare il Business Plan

3 Elementi Fondamentali di Strategie di Web Marketing per Imprese Manifatturiere

3 Elementi Fondamentali di Strategie di Web Marketing per Imprese Manifatturiere

Il Distretto Tessile dei Trulli: Martina Franca e L'Eccellenza del Capospalla

Il Distretto Tessile dei Trulli: Martina Franca e L'Eccellenza del Capospalla

Codice Ateco: Che cos'è e a cosa serve?

Codice Ateco: Che cos'è e a cosa serve?

7 Bandi da non Perdere:  Finanziamenti e Agevolazioni nel Settore Manifatturiero | MakersValley Blog

7 Bandi da non Perdere:  Finanziamenti e Agevolazioni nel Settore Manifatturiero

Le Rifiniture Interne di un Capo: Quali Scegliere

Le Rifiniture Interne di Un Capo: Quali Scegliere

Diventa parte della nostra comunità di Produttori Italiani

Registrati