Lavello: Il Distretto Tessile della Corsetteria

Il corsetto è sempre stato uno degli indumenti più “vissuti” dalle donne. E’ uno dei capi di moda che è riuscito a restare sempre al passo nella moda grazie alla sua eleganza, ma anche alla sua praticità che ha spinto ogni donna a possederne sempre almeno uno nell'armadio.
Un capo che modella le forme, esalta i fianchi e che da una giusta postura, talvolta anche negli uomini!
Iniziò a farsi strada nel costume durante il xv secolo, sin dal Medioevo, infatti, i corsetti hanno sempre padroneggiato sotto gli abiti di una donna.
Nelle più svariate forme, colori e tessuti il corsetto è diventato un must have e tutt'ora ricopre un ruolo fondamentale in una parte dell’Italia che rappresenta per eccellenza il distretto tessile della corsetteria.

Ed è in provincia di Potenza, a Lavello, che si trova l’unico distretto della corsetteria italiana. In questo luogo sono nate circa 50 aziende e 500 addetti che possono vantare una produzione tra i 4 e 5 milioni di capi di intimo l’anno.
Costituisce ormai l’unico distretto italiano specializzato in questo settore.
Vedremo in quest’articolo come è nato e come si è sviluppato nel tempo.


Distretto Tessile Corsetto



Lo sapevi? Il termine “corsetto” prende origine dal francese antico e ha la stessa radice della parola “corpo”: ecco perché la parola “busto” sia un suo sinonimo.


Nascita del Distretto

Fino ai primi anni 80 Lavello non mostra realtà imprenditoriali significative o particolari vantaggi infrastrutturali o disponibilità di materie prime.
Fu nel novembre del 1980 che per questo territorio nacque l’occasione e la spinta per mettere in moto un processo di cambiamento.
Infatti grazie alle necessità delle grandi imprese del Nord Italia di delocalizzazione i processi produttivi in zone con ampia disponibilità di manodopera a costo basso fu riconosciuto nella città di Lavello il giusto distretto per avviare questa particolare ’attività tessile.
E fu così che sotto la volontà del segretario della locale CNA si costituisce un consorzio di laboratori tessili al quale vengono affidate le prime commesse a seguito di un breve periodo di tirocinio svolto da lavoratrici lavellesi nelle fabbriche di modena.


Come si è sviluppato

La diffusione delle attività di confezione di biancheria personale a Lavello ha raggiunto grandi numeri,riuscendo ad assorbire ben tre quarti degli addetti complessivi nel settore tessile-abbigliamento.
E con l’insediamento dei primi laboratori di corsetteria che Lavello ha sviluppato una vera e propria specializzazione manifatturiera che oggi colloca la cittadina tra i poli produttivi locali più importanti a livello nazionale.
Oggi, la corsetteria lavellese è sicuramente meno dipendente dai committenti centro settentrionali, anche se un nucleo significativo di imprese locali continua a lavorare in subfornitura per loro. In crescita è invece il numero di imprese che lavorano conto terzi.

Vuoi scoprire altri distretti tessili che hanno caratterizzato il nostro amato Made in Italy?
Visita il nostro blog MakersValley e sei un'azienda italiana desiderosa di ampliare la propria vendita anche all'estero, iscriviti gratuitamente sulla nostra piattaforma, e sarai contattato per maggiori info!





Registrati ora

Commenti