Economia Circolare: Riutilizzo dei Fondi di Caffè

Franca Gragnaniello

Franca Gragnaniello

La pausa caffè dura pochi minuti. Eppure, l’impatto dei rifiuti che si producono in quel momento di ristoro può durare anni. E’ risaputo che di tutto il caffè impiegato nella preparazione della bevanda solo una minima parte finisce all’interno della tazza, il restante 99,8 per cento, normalmente finisce nella spazzatura emettendo CO2.  Considerando che nel mondo la produzione del caffè si aggira sulle 7.358.897 tonnellate annue, per calcolo teorico il consumo medio della bevanda pro-capite è di 1,3 chilogrammi a testa.

La domanda nasce spontanea : ”Quanto inquiniamo con i fondi del caffè?” Ma, niente paura, cosa fare dei fondi è un tema di attualità da una decina di anni a questa parte con sperimentazioni interessanti. I fondi di caffè sono entrati di fatto negli ultimi anni nella politica dell’ economia circolare .

Come tutti sappiamo l'economia circolare propone il riutilizzo e il riciclo di materiali. È un modello che prende spunto dalla natura, dove nessun rifiuto resta sprecato ma viene reintrodotto nel sistema a beneficio di altro. Il fulcro quindi non è solo produrre o sprecare di meno, ma ripensare la produttività in modo diverso, abbandonando il modello lineare del "prendi-produci-usa-getta” 

Un principio dunque che si può applicare anche al caffè, e gli esempi non mancano, come pure la materia prima: ogni anno si generano 360mila tonnellate di fondi solo in Italia. La ricerca ha permesso di realizzare materiali innovativi e prodotti sostenibili.

riciclo fondi caffè

S.Cafè: Il tessuto hi tech 

Con i fondi di caffè, utili non solo per concimare piante, creare creme scrub per il corpo e home made, si possono realizzare anche tessuti innovativi. A pensarlo è stata Singtex, un’azienda Taiwanese, che ha realizzato una tecnologia per produrre tessuti dai fondi di caffè. Il risultato è un tessuto con moltissime qualità: antiodore, fresco, e soprattutto rispetto al cotone si asciuga più velocemente ed ha la capacità di abbassare la temperatura delle pelle. Jason Chen, il fondatore di S.Cafè, così chiamato il tessuto, è stato uno dei primi a Taiwan ad usare tecniche eco-friendly, tanto da promuoverle anche nella produzione di capi d’abbigliamento per squadre sportive. Frutto di 4 anni di studi della Singtex di Taiwan con un gruppo di ricercatori e un investimento di 1,7 milioni di dollari ha prodotto un filato ricavato dal riuso del fondo di caffè unito al poliestere. Jason Chen, titolare della Singtex Industrial Company, produttore tessile di terza generazione, è diventato il primo imprenditore che ha portato avanti la sua idea di convertire i fondi di caffè in stoffa. Con questo tessuto infatti possono essere realizzati abbigliamento, biancheria intima, biancheria da letto, abiti funzionali per yoga e jogging, scarpe. Oggi la S.Cafè vanta più di 110 clienti tra i quali i famosi brand Timberland, Adidas, American Eagle.

Qual è il procedimento: Già esperto nel tessuto ricavato dal riciclo delle bottiglie di plastica, per ottenere la stoffa dai fondi del caffè Chen ha unito le 2 tecnologie di riciclo. Il processo della produzione è il seguente: il poliestere proviene dal riciclo delle bottiglie in PET; i fondi di caffè, tostati, sono mescolati con il poliestere che crea il filato che, tessuto a macchina, viene impiegato per la realizzazione della stoffa. Per avere un’idea della quantità di materiale riciclato pensiamo che ogni t-shirt è realizzata con i fondi riciclati di 3 tazzine di caffè e di 5 bottiglie di plastica.

s.cafè tessuto

Tessuti colorati con i fondi di caffè

I fondi del caffè riciclati vengono utilizzati anche come tinture per dare colore in modo naturale a vestiti e tessuti. Il nuovo procedimento mirato alla riduzione dello spreco e all’incentivo del riutilizzo è partito dalla Iowa State University negli Stati Uniti.

L’industria tessile utilizza circa 2 milioni di tonnellate di sostanze chimiche e tinture ogni anno. I fondi di caffè riciclati potrebbero fornire un’ alternativa più sostenibile invece che finire in discarica. Per arrivare alle tinture per vestiti e tessuti i chicchi di caffè vengono tostati per tre giorni e poi bolliti in acqua per estrarne il colore. I test sono stati condotti su tessuti naturali come cotone, lino e seta ma anche su tessuti sintetici come il poliestere utilizzando diversi mordenti, ovvero sostanze in grado di fissare il colore ai tessuti. Come tutti sappiamo le risorse naturali diventano sempre più limitate rendendo elevati i costi per le tinture naturali e ne limita la varietà di colore. Riciclare materiali di scarto come i fondi di caffè può essere un'idea doppiamente vincente. La materia prima inoltre non mancherebbe considerando l’uso che si fa nel mondo del caffè.

Uno dei problemi di questo specifico procedimento è la difficoltà a replicare con consistenza la stessa tonalità di colore. Infatti la tonalità ottenuta può variare a seconda del tipo di chicchi di partenza o della lunghezza dell’esposizione ad acqua calda.

tingere il tessuto con fondi di caffe

Questo però può essere considerato un problema relativo visto che i consumatori, in questo caso, preferiscono scegliere l’unicità cromatica dei loro prodotti data dalle tinture naturali rispetto alla consistenza data dai coloranti artificiali

Tessuti colorati con i fondi di caffè in Italia

Nel segno della salubrità e del risparmio energetico è nata un’ inedita collaborazione fra due imprese venete del tessile e dell’alimentare volta a tramutare i fondi di caffè in valore aggiunto grazie al loro utilizzo per la tintura di pregiati manufatti tessili che saranno presentati per la prossima stagione primavera/estate 2023.

Protagonisti lo storico lanificio Bottoli, che dal 1861 produce tessuti di alta qualità a Vittorio Veneto, e Dersut di Conegliano, fondata nel dopoguerra (1949) dalla famiglia Caballini di Sassoferrato e oggi presente anche sui mercati di Emirati Arabi, Messico e Repubblica Dominicana.

Dersut ha avviato il riciclo dei fondi di caffè ritirati presso alcuni dei 4mila clienti, comprese un centinaio di Caffetterie a marchio, distribuiti principalmente nel  Triveneto e Piemonte ed una presenza, sempre più significativa, su alcuni importanti mercati esteri  europei.

I fondi di caffè, cosi recuperati vengono riutilizzati grazie ad una tecnica innovativa messa a punto dal Lanificio Bottoli, proponendo tessuti naturali realizzati con l’intreccio di canapa e juta con pregiati fili di seta tinti con i fondi. Il modello calza a pennello con lo schema improntato dall’azienda tessile nel privilegiare lo schema «chilometro zero» e un ciclo di lavorazione tutto interno a cui si devono logiche di sostenibilità adottate in largo anticipo rispetto agli ultimi anni. I fondi di caffè, più in dettaglio, saranno usati per la tintura della seta destinata alla collezione primavera-estate 2023.  Dei 2.500 disegni differenti che l’azienda presenterà al prossimo Salone italiano del tessile Milano Unica, il 1 e 2 febbraio, circa il 40% sono ottenuti con prodotti eco friendly, che, oltre a un evidente risparmio di energia e acqua, permettono anche di non rovinare i tessuti, come con le tinture chimiche, e di assicurare una maggior tenuta ai lavaggi.

Conclusioni

Pensare di bere un caffè che sarà poi indossato, può farci sentire all’avanguardia in un’era dove il cambiamento è il protagonista vincente. Sappiamo che la pandemia è stato  un grande acceleratore della transizione sostenibile.

Partendo da un campione di oltre 260 aziende italiane di diversi settori emerge come il tessuto imprenditoriale stia aggiornando le proprie strategie in termini di sostenibilità in un periodo di forte trasformazione accelerata dell’emergenza Covid-19. L’economia circolare rappresenta un nuovo modello di business trasformativo, è importante non restare fermi, dobbiamo pertanto accelerare la trasformazione del business cogliendo nuove opportunità di investimento e di crescita, mettendo la sostenibilità al centro.

 

FONDO-CAFFE-2-2

Scopri Di Più

L'economia circolare propone il riutilizzo e il riciclo di materiali ed è importante per ogni azienda adeguarsi a questa nuova tecnologia.

Diventa un'azienda green

Commenti

NFT: Che Cosa Sono e Come Impattano sulla Moda

NFT: Che Cosa Sono e Come Impattano sulla Moda

Le Sneakers: Una Tendenza Moda che Compie un Secolo

Le Sneakers: Una Tendenza Moda che Compie un Secolo

Il PVC Nella Moda

Il PVC Nella Moda

Cos’è la serigrafia: tecniche di stampa

Cos’è la serigrafia: tecniche di stampa

Textile Printing:Innovazione e Tecnologia Della Stampa Su Tessuto

Textile Printing:Innovazione e Tecnologia Della Stampa Su Tessuto

produzione industriale

La Produzione Industriale nell'Era 4.0

bb7902e1bae7cb9ac82061c76baa62da

Il Poliestere e l’Abbigliamento: Caratteristiche e Vantaggi del Tessuto

Diventa parte della nostra comunità di Produttori Italiani

Registrati